storia Lancia Stratos

Storia

La Stratos “Zero”, presentata allora come “Prototipo Zero” era semplicemente una dream car, fu esposta per la prima volta come prototipo al Salone dell’automobile di Torino del 1970 dalla carrozzeria Bertone; fu presentata come un progetto di autovettura sportiva a motore centrale (era quello di una Lancia Fulvia recuperato in una demolizione), di concezione assolutamente avveniristica per quei tempi. Il design per quanto non ancora definitivo, dovuto a Marcello Gandini (lo stesso che disegnò auto prestigiose come la Fiat X1/9, la Lamborghini Miura, la Lamborghini Countach), suscitò subito grande interesse da parte dei vertici della squadra corse della Lancia, guidata da Cesare Fiorio, in cerca della sostituta della Lancia Fulvia nei rally. Per questo motivo nacque la Stratos HF (sta per High Fidelity), la prima automobile di serie specificamente progettata per i rally.

Nella versione definitiva, sia il motore che la trasmissione furono quelli della Ferrari Dino 246, la Stratos (o, forse più correttamente “Strato’s”, ad una attenta lettura del nome sul logo) veniva commercializzata col marchio Ferrari impresso sulla testata del sei cilindri, ed essi, abbinati ad un telaio monoscocca centrale in acciaio, resero la Stratos un’auto sportiva eccezionale. La lenta attività di produzione nello stabilimento Bertone di Grugliasco (TO) costrinse la Stratos a gareggiare come Gruppo 5 finché non venne raggiunta la quantità di esemplari prodotti richiesta per l’omologazione in Gruppo 4. In merito, nella dichiarazione a firma di Cesare Fiorio, si afferma che al 23 di luglio del 1974 ne siano stati costruiti 500 esemplari . La veridicità di tale affermazione è stata messa in dubbio da molti; d’altra parte, 17 mesi dopo la soglia minima venne abbassata a 400 esemplari, rendendo così inutile ogni polemica. Conclusa comunque la prima produzione in serie, venne schierata in gara nei rally nel consueto Gruppo 4 e fu per anni l’auto da battere: nelle stagioni 1974, 1975 e 1976 diventò Campione del Mondo Rally; ebbe inoltre molti altri successi di prestigio a livello europeo e nei singoli campionati nazionali tra i quali, ovviamente, quello Italiano.

La Stratos HF nella livrea “ufficiale” Alitalia per i rally

L’esordio in gara avvenne nel 1972 al Tour de Corse, dove fu affidata al miglior pilota allora disponibile, il “Drago” Sandro Munari, e dove dovette ritirarsi per la rottura delle sospensioni posteriori. Ottenne il suo primo successo l’otto settembre del 1973 al Rally Firestone di Spagna nel 1973 con Sandro Munari e Mario Mannucci . Ad oggi gli unici rally mondiali che mancano nel palmares della Stratos sono Rally RAC e il Safari Rally, dove nel 1975 Munari arrivò solo secondo. In tutte le altre gare, solo successi.

Nonostante la Stratos continuasse ad essere un’auto vincente senza rivali, il gruppo Fiat smise di utilizzarla come vettura ufficiale nel Mondiale Rally nel 1977 per rimpiazzarla con la Fiat 131 Abarth Rally: una scelta evidentemente commerciale per promuovere l’immagine del nuovo modello di Mirafiori per le famiglie. La Stratos comunque continuò a gareggiare e a vincere, anche se non più con la livrea ufficiale (se così si può dire, dato che non è mai stata schierata con una livrea uffiale Lancia, ma sempre con i colori di sponsor privati) fino al 1982, anno di scadenza dell’omologazione.

1983: Gruppo 5 Stratos 3.0 per l’utilizzo in rallycross

Dopo l’adozione della Fiat 131 da parte della squadra corse del gruppo Fiat, furono prodotti ancora altri due esemplari appositamente allestiti per gareggiare come Gruppo 5 Turbo, uno dei due esemplari fu completamente distrutto in un incendio in pista a Zeltweg, l’altro vinse il Giro Automobilistico d’Italia nel 1976, prima di essere spedita in Giappone per partecipare ad un campionato per vetture Silhouette al quale non prese mai parte ed entrò nella collezione Matsuda. Attualmente fa parte della collezione di Chris Hrabalek, il più grande collezionista di Stratos nel mondo, insieme ad altri dieci pezzi unici, inclusa quella del 1977 per il Safari Rally. L’esiguo numero di esemplari costruiti ed il fatto che l’auto fu utilizzata in ogni tipo di gara (persino nei rallycross certamenti inadatti ad un’automobile da collezione) sino a quando è stato possibile, la rende infatti uno dei modelli più ricercati dai collezionisti di tutto il mondo.

Il 22 dicembre del 2008 muore Pierugo Gobbato, uno dei “padri” della Stratos e direttore della collaborazione fra Bertone e Lancia. Era figlio dell’ing. Ugo Gobbato (1888-1945), che diresse l’Alfa Romeo impedendo ai nazisti di trasferire la casa automobilistica e i suoi materiali in Germania.

Caratteristiche tecniche

La Lancia Stratos Turbo al Giro automobilistico d’Italia del 1976

  • Motore: centrale, 6 cilindri a V con angolo di bancata di 65°
Il motore usato per le competizioni forniva 240 CV, ma si poteva portare fino a 270 CV la versione a 4 valvole per cilindro; mentre la versione con turbocompressore del 1978 sviluppava da 330 a 420 CV.

La Stratos nei media

La concept car Prototipo Zero, il primo passo verso la Lancia Stratos, presentata al Salone di Torino nel 1970

  • Il prototipo Bertone Zero fu utilizzato nel 1988 nel film Moonwalker di Michael Jackson. Ora si trova nello show room del Centro Stile Bertone a Caprie (in Valle di Susa).
  • Un esemplare di Stratos color rosso fiammante, è protagonista in una scena del film Napoli spara! del 1977.
  • La Stratos HF è una delle autovetture principali dei videogiochi ambientati nei rally come Sega Rally Championship. Nei videogiochi Colin McRae Rally e V-Rally 2 è una delle auto da sbloccare durante il percorso di gioco. È inoltre presente nella serie Gran Turismo e in Forza Motorsport 3
  • Nei cartoni animati e nella linea di giocattoli Transformers da essi derivati, l’Autobot Wheeljack (nell’edizione in italiano Saetta) si trasforma nella Lancia Stratos.
  • Una Stratos azzurra compare in modo ricorrente nella serie anime éX-Driver.
  • Un altro esemplare di Stratos gialla viene citata ed appare brevemente in una foto nel secondo episodio dell’anime Grand Prix e il campionissimo e nella sua versione rappresentata in disegno con la vernice di color verde nel secondo e nel terzo episodio e nel corso della serie come vettura iscritta al Rally della montagna.
  • Durante il 2009 la popolare trasmissione televisiva inglese Top Gear dedicò un’intera puntata alla Lancia, nella quale compare in una prova la Stratos (e anche la replica kitcar Hawk HF3000)
Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: